Lingue
Recommend

Camelot si difende dalle false accuse di gioco d'azzardo da parte di minori

Sono state recentemente mosse accuse nei confronti di Camelot, la società di lotterie e gratta e vinci che gestisce la lotteria ufficiale del Regno Unito per conto della National Lottery. Alcuni detrattori hanno portato l'attenzione sulla tipologia di giochi gratta e vinci offerti, ispirati a temi che richiamano i giochi retrò per bambini, come Monopoli, Mousetrap e Forza Quattro, asserendo che l'intento sia quello di far avvicinare i bambini ai giochi gratta e vinci ed ad altri giochi d'azzardo.

Generalmente l'età minima per l'acquisto di giochi gratta e vinci è di 16 anni invece che di 18 ed i gruppi d'interesse a favore dei minori hanno più volte espresso il timore che i bambini di 13 o 14 anno possano essere facilmente scambiati per sedicenni. La stessa obiezione può però essere mossa nei confronti dei ragazzi di 17 anni che abbiano l'aspetto di diciottenni e che quindi possano acquistare bevande alcoliche o altre forme di divertimento destinate agli adulti.

Uno dei portavoce di Camelot ha affermato che i giochi gratta e vinci ispirati a giochi da bambini "riescono a catturare più gli adulti con il loro stile 'retrò' piuttosto che un ragazzino 'moderno' di 14 o 15 anni, che difficilmente considererebbe un gioco da tavola 'figo'. Detto questo, nel caso ci rendessimo conto che un particolare gioco stia causando problemi, prenderemmo immediatamente provvedimenti in merito, arrivando anche a rimuovere il gioco dal catalogo offerto".

Ha poi continuato dichiarando che Camelot considera irrilevanti le vendite di gratta e vinci ai minori di 16 anni. Infatti, l'organizzazione utilizza un programma di mystery shopping chiamato Operation Child (Operazione Bambino), inviando responsabili della lotteria in incognito nei negozi e rimuovendo i terminali di vendita di qualsiasi rivenditore che permetta di giocare ai gratta e vinci a pagamento ai minori in questione. Il portavoce ha poi continuato: "Non c'è alcuna prova che dimostri che i gratta e vinci ispirati ai giochi da tavolo attraggano i minori di 16 anni. Se ce ne fosse riscontro, non avremmo pubblicato questi giochi e questi non avrebbero ottenuto la licenza dal nostro corpo regolatore, la National Lottery Commission".

Infine, la supervisione dei bambini deve essere responsabilità dei genitori. Questo sembra essere un altro tentativo da parte dei denigratori di criticare il divertimento di adulti responsabili che trovano nei gratta e vinci il passatempo ideale. Nessun regolamento rimpiazzerà mai la buona educazione dei figli, e con milioni di dollari in gioco per adulti onesti alla ricerca di divertimento e di jackpot da sogno queste accuse infondate difficilmente fanno notizia.

Post new comment

The content of this field is kept private and will not be shown publicly.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.